Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Arafat sarebbe stato ucciso dal polonio, secondo Al Jazira

Yasser Arafat sarebbe stato avvelenato con il polonio, letale sostanza radioattiva protagonista anche dell'omicidio dello 007 russo Alexander Litvinenko, morto a Londra in circostanze ancora tutte da chiarire. Lo rileverebbero i risultati di esami di laboratorio effettuati a Losanna e citati in un documentario trasmesso da Al Jazira.

Nel corso degli esami condotti su effetti personali e campioni biologici del leader palestinese - deceduto nel 2004 nell'ospedale militare di Percy a sud di Parigi - è stato rilevato un livello di polonio "significativo", ha spiegato nel corso del documentario François Bochud, direttore dell'Istituto per la Fisica delle radiazioni di Losanna.

I campioni - capelli, spazzolini da denti e altri reperti messi a disposizione dalla vedova di Arafat - hanno evidenziato "una concentrazione di polonio superiore al previsto: livelli notevoli che dimostrano che c'è una quantità non normale di polonio". Il polonio è la sostanza con cui è stato avvelenata anche l'ex agente del Kgb Litvinenko, morto nel 2006 a Londra.

Yasser Arafat si era ammalato nel suo quartier generale a Ramallah, ed è morto l'11 novembre 2004 a Percy in circostanze che restano misteriose: i 50 medici che si sono alternati al suo capezzale non hanno specificato il motivo esatto del rapido deterioramento delle sue condizioni mentre i palestinesi hanno accusato Israele di averlo avvelenato. L'indagine di Al-Jazira non conferma comunque tale accusa: "Se mettiamo insieme tutte le informazioni in nostro possesso - i risultati dei test di laboratorio, le caratteristiche cliniche, le circostanze della morte di Arafat - è difficile trarre una conclusione", ha detto un altro medico, il professor Patrice Mangin, direttore del Centro universitario romando di Medicina Legale, precisando che "sarebbe ovviamente necessario andare oltre e fare ulteriori indagini".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.