Navigation

Argentina: giudice indaga se Messi fu spiato illegalmente

Il calciatore Lionel Messi potrebbe essere stato "spiato" illegalmente negli anni scorsi da diversi organismi dello Stato argentino. KEYSTONE/AP/NELSON ANTOINE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2020 - 10:11
(Keystone-ATS)

Il calciatore del Barcellona e della nazionale argentina Lionel Messi potrebbe essere stato "spiato" illegalmente negli anni scorsi da diversi organismi dello Stato per verificare un suo possibile coinvolgimento in una società citata nei "Panama Papers" nel 2016.

In questo ambito, scrive l'agenzia di stampa argentina Telam, il giudice federale Rodolfo Canicoba Corral ha deciso di indagare se, insieme ad una sessantina di personalità del mondo della magistratura, politica, spettacolo e giornalismo, vi fosse effettivamente anche la "Pulce" argentina.

Fonti a conoscenza del dossier hanno confermato la presenza del nome di Messi in un elenco di persone su cui organismi dello Stato hanno realizzato ricerche sulle banche di dati del Fisco argentino (Afip) o della Direzione nazionale delle migrazioni.

La vicenda non è del tutto nuova, perché due anni fa il giornalista Carlos Pagni pubblicò un articolo sul quotidiano La Nación, in cui sosteneva che le indagini avviate sull'astro argentino riguardavano le rivelazioni dei "Panama Papers".

Per il momento, precisa l'agenzia, "quello che in questo momento cerca di determinare il giudice Canicoba Corral è se le differenti ricerche nelle basi di dati sono state realizzate fuori di un quadro legale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.