Navigation

Argentina: presidente annuncia legge per legalizzare aborto

Il leader di Buenos Aires Alberto Fernandez. KEYSTONE/EPA/ATEF SAFADI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2020 - 21:53
(Keystone-ATS)

Il presidente argentino Alberto Fernández ha annunciato oggi a Buenos Aires, inaugurando ufficialmente la sessione ordinaria del Parlamento, l'intenzione di inviare, "entro dieci giorni", un progetto di legge per legalizzare l'aborto.

Al momento tale pratica è illegale in Argentina, se non per alcuni specifici casi.

Le parole del capo dello Stato sono state interrotte dagli applausi di gran parte dei presenti nell'emiciclo e delle migliaia di persone riunitesi davanti all'edificio del Parlamento per ascoltare il discorso, che ha riguardato anche la difficile situazione sociale, i progetti per rilanciare l'economia, la crisi del debito estero e la riforma della giustizia.

Particolarmente soddisfatti per l'annuncio i movimenti femministi, riconoscibili per l'adozione di un fazzoletto verde legato al corpo o alla borsa, che da anni si battono per la legge e per mettere fine alla pratica dell'aborto clandestino nel Paese.

Fernández ha anche reso noto che insieme alla legge sull'interruzione della gravidanza ne sarà inviata una seconda per garantire l'assistenza e la cura di una madre incinta e il diritto suo e dei figli nei primi 1000 giorni di vita.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.