Navigation

Argentina: presidente decreta vino bevanda nazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 novembre 2010 - 20:37
(Keystone-ATS)

BUENOS AIRES - Il vino è diventato la bevanda nazionale dell'Argentina. Lo ha disposto per decreto la presidente Cristina Fernandez de Kirchner. Che, ieri, nel lancio ufficiale della misura, in un evento al quale hanno presenziato oltre 500 persone, ha assicurato che l'iniziativa non punta solo ad avere effetti economici ma ha anche a che fare "con l'identità e la cultura nazionale" degli abitanti del Paese.
L'Argentina, con 1310 milioni di litri nel 2009, è il quinto produttore di vino al mondo, dopo Italia, Francia, Spagna e Stati Uniti. Sempre nel mondo è al nono posto per l'export e al settimo per consumo pro-capite, circa 30 litri all'anno. L'industria vitivinicola, concentrata per il 70% nella zona di Mendoza (dove si trovano 879 delle attuali 1341 'bodegas' di tutto il Paese), è esplosa a partire dalla crisi economica del 2001, quando grazie alla svalutazione del peso la sua produzione è diventata concorrenziale nel mercato mondiale. Inoltre, c'è stato un netto miglioramento della qualità dei vini argentini, tant'è che ora certe qualità di Malbec sono ritenute tra le migliori al mondo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.