Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I recenti progressi nel riconoscimento del genocidio armeno devono aiutare a "dileguare le tenebre di cento anni di negazionismo". Lo ha detto il presidente armeno Serzh Sarksyan intervenendo a Erevan alla cerimonia per commemorarne il 100/esimo anniversario.

Il governo di Erevan è pronto ad una normalizzazione "senza precondizioni" con la Turchia, ha affermato il presidente armeno in un'intervista al quotidiano turco Hurriyet.

I due paesi, divisi sul riconoscimento del genocidio armeno del 1915, non hanno relazioni diplomatiche.

Sarksyan si è detto favorevole anche a un'apertura della frontiera fra i due paesi, che contribuirebbe a creare un'atmosfera di fiducia, favorirebbe il commercio e promuoverebbe lo sviluppo delle province turche del sud-est.

Accordi per la normalizzazione delle relazioni fra i due paesi erano stati siglati cinque anni fa, ma finora non sono stati applicati a causa, secondo Sarksyan, delle "politiche non costruttive della Turchia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS