Navigation

Arrestato capo setta, si fingeva diavolo e abusava

Il giovane è stato arrestato. KEYSTONE/EPA ANSA/CIRO FUSCO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 giugno 2020 - 10:30
(Keystone-ATS)

Un 23enne residente in provincia di Prato (Toscana) si sarebbe messo a capo di una setta fingendo di essere il diavolo.

È stato arrestato dalla polizia in esecuzione di una misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari, disposta da un giudice di Firenze. Secondo quanto appreso, il giovane era stato già perquisito lo scorso febbraio e dovrà rispondere di 13 episodi di violenza sessuale.

Per l'accusa, avrebbe costretto gli adepti, anche minorenni, a subire atti sessuali dopo un "patto col diavolo". Il giovane avrebbe convinto gli appartenenti alla setta di avere poteri soprannaturali e di aver scelto gli adepti per salvare il mondo.

Per convincerli della sua superiorità e metterli in uno stato di soggezione psicologica così da abusarne, avrebbe anche elaborato un rituale di resurrezione: inscenava uno strangolamento da parte di un complice e dopo si rialzava, fingendo di rimettersi a posto il collo. Secondo la sua dottrina, gli atti sessuali erano necessari a liberare i demoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.