Navigation

Arresto per skimming nel Bellinzonese

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2011 - 17:14
(Keystone-ATS)

Ieri sera, poco prima delle 2100, è stata arrestata a Bellinzona una 28enne cittadina bulgara, per i reati di acquisizione illecita di dati e abuso di un impianto per l'elaborazione dei dati. Lo rendono noto la Polizia cantonale ticinese e il Ministero Pubblico.

Presso un bancomat nel centro a Bellinzona, la donna aveva applicato un'apparecchiatura per la clonazione delle carte bancomat e di credito. Dopo un accurato lavoro d'indagine, è stato possibile risalire alla donna e procedere al suo fermo.

L'inchiesta coordinata dalla Procuratrice Pubblica Marisa Alfier e condotta dalla Sezione Reati Economico Finanziari (REF), dovrà ora stabilire le esatte responsabilità della 28enne.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?