Navigation

ASI vuole contrastare il caro affitti

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 settembre 2012 - 15:52
(Keystone-ATS)

A causa della forte immigrazione di questi ultimi anni, è sempre più difficile trovare un appartamento a prezzi ragionevoli. Per arginare questo fenomeno, l'Associazione svizzera inquilini (ASI) chiede che l'aumento delle pigioni iniziali per i nuovi contratti d'affitto sia limitato al 5% e che sia migliorata la protezione contro le disdette "economiche". L'ASI auspica anche misure a livello federale destinate a promuovere la costruzione di alloggi popolari.

La presidente dell'ASI, la consigliera nazionale Marina Carobbio (PS/TI), ha criticato oggi in una conferenza stampa a Berna il Consiglio federale per il suo immobilismo di fronte al problema della penuria di alloggi e dell'aumento degli affitti, fenomeno che ha assunto aspetti preoccupanti negli ultimi cinque anni in seguito alla forte immigrazione di forza lavoro, sovente qualificata.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?