Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oltre 70 personalità della politica, della scienza e della cultura hanno lanciato oggi un appello al Consiglio federale, promosso da sindacalisti, affinché la Svizzera accolga rapidamente 50'000 profughi. Il manifesto è stato pubblicato oggi dalla Tribune de Genève.

L'appello è stato lanciato anche su internet, indica il comitato promotore in un comunicato odierno. Tra i firmatari figurano vari consiglieri nazionali di sinistra, gli scrittori Adolf Muschg e Pedro Lenz, lo storico Jakob Tanner nonché Jean Ziegler, vicepresidente del comitato consultivo del Consiglio dei diritti dell'uomo dell'Onu, già consigliere nazionale socialista e professore emerito di sociologia.

L'iniziativa è stata promossa da sindacalisti romandi, che alcune settimane fa si sono recati alla frontiera tra Serbia e Croazia e hanno preso atto delle immense sofferenze di centinaia di migliaia di profughi, soprattutto dopo la chiusura della "rotta balcanica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS