Navigation

Asilo: indagini su presunte violazioni in centro Kreuzlingen (TG)

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2016 - 16:33
(Keystone-ATS)

L'ex giudice federale Michel Féraud è stato incaricato di verificare le accuse di un cattivo trattamento dei richiedenti asilo presso il Centro di registrazione e procedura (CRP) di Kreuzlingen (TG). Lo riferisce la Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

Il 17 gennaio il domenicale SonntagsZeitung ha pubblicato un reportage, realizzato sotto copertura presso il CRP di Kreuzlingen, in cui muoveva pesanti accuse, in particolare di violenze da parte del personale addetto alla sicurezza del centro.

Sin dalla pubblicazione del reportage, il segretario di Stato Mario Gattiker ha deciso di affidare i relativi accertamenti a un'istanza esterna, precisa la nota odierna della SEM. Nel frattempo il mandato è stato affidato all'ex giudice federale Michel Féraud, che si metterà al lavoro nei prossimi giorni. La Segreteria di Stato informerà in merito a lavori ultimati.

Il domenicale parlava, tra l'altro, dell'uso di violenza nei confronti dei richiedenti asilo, di mancanza di assistenza per i bambini, dell'assenza di un luogo di raccoglimento per funzioni religiose e di perquisizioni subite dagli ospiti del centro di Kreuzlingen.

La SEM ha sottolineato che in realtà esiste un locale per la preghiera per tutte le confessioni. Per carenza di spazio può però succedere che esso venga utilizzato come dormitorio. Riguardo alle perquisizioni, tali azioni sono state condotte unicamente per garantire la sicurezza nel centro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.