Navigation

Asilo: più celerità nell'esame delle domande

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2011 - 17:35
(Keystone-ATS)

La Confederazione intende accelerare sensibilmente le procedure per l'esame delle richieste di asilo. "In 120 giorni, ricorsi compresi, l'80% dei richiedenti l'asilo dovrà essere in possesso di una decisione definitiva", ha dichiarato oggi davanti ai media la consigliera federale Simonetta Sommaruga.

Stando all'esperienza infatti, solo il 20% delle richieste necessita di approfondimenti ulteriori. Il destino di queste persone dovrà essere deciso entro un anno dall'inoltro della richiesta d'asilo. Per velocizzare le procedure, ha precisato la ministra confermando le notizie apparse sulla stampa negli ultimi giorni, "dovremo concentrare i richiedenti in centri di competenza della Confederazione nei quali verranno effettuate le pratiche necessarie". "In questo modo - ha precisato - non solo contiamo di esaminare i dossier in tempi ristretti, ma evitiamo anche che molte persone facciano perdere le loro tracce".

Per la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, le procedure accelerate non dovranno andare a scapito delle garanzie legali dei richiedenti l'asilo. Di sicuro, "avremo bisogno dei cantoni per l'istituzione di nuovi centri, ma così facendo si vedranno assegnare meno richiedenti, come invece succede oggi con quei casi che rientrano nel trattato di Dublino".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?