Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Assange, udienza spostata in supercarcere

LONDRA - Julian Assange torna in corte martedì prossimo e stavolta nell'aula giudiziaria di un carcere di massima sicurezza: l'esame della richiesta di estradizione della Svezia per molestie sessuali contro il capo di Wikileaks è stato spostato da una corte nel centro di Londra alla Belmarsh Court, il tribunale annesso alL'omonimo supercarcere, ribattezzato qualche anno fa dalla Bbc "la Guantanamo britannica". Il ministero della Giustizia ha confermato all'Ansa un Twitter di Wikileaks sul trasferimento del caso.
Lo spostamento dal tribunale della Città di Westminster a Belmarsh nell'area sud est della capitale è legato a motivi logistici, ha detto all'Ansa una portavoce del Ministero: far fronte cioè all'assedio dei media, e non, come sembra suggerire Wikileaks, a una nuova piega presa dal caso Assange su pressione degli Stati Uniti.
Il sito 'anti-segretì scrive invece che "l'udienza sull'estradizione è stata trasferita presso la corte 'anti-terrorismo' di Belmarsh" e correda il Tweet con un link al servizio della Bbc del 2004 che parla di Belmarsh come "la Guantanamo del Regno Unito" dove sospetti terroristi entrano e restano per anni in attesa di giudizio. L'udienza dell'11 gennaio è preliminare. La discussione di sostanza sul caso Assange è in programma il 7 e l'8 febbraio.
Assange è ricercato in Svezia per molestie sessuali e stupro anche se negli Stati Uniti ci sono forti pressioni politiche per incriminarlo per spionaggio. In Congresso il partito Repubblicano ha inserito un'inchiesta sul capo di Wikileaks tra le priorità dell'agenda dei lavori della Camera dove da oggi il Gop ha la maggioranza. L'iniziativa è diretta in parte contro il Ministro della Giustizia Eric Holder, accusato di esser stato troppo lento e debole nella reazione alla maxi-fuga di notizie.
E intanto la Casa Bianca, dopo le imbarazzanti rivelazioni sui segreti della diplomazia americana, è corsa ai ripari imponendo una stretta sui dipendenti delle agenzie di intellogence invitando i capi di CIA e affini a tenerli sotto controllo e a cogliere eventuali malumori e insoddisfazioni.
L'intento è di prevenire casi come quello di Bradley Manning, il giovane soldato dell'intelligence militare accusato di aver passato a Assange i documenti del Cablegate e quelli sulle guerre in Iraq e Afghanistan.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.