Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Tribunale amministrativo argoviese dovrà tornare ad occuparsi del giovane che nel 2009 uccise brutalmente a Sessa (TI) un'apprendista vietnamita di 17 anni. Il Tribunale federale (TF) ha in parte accolto un ricorso del ragazzo che si oppone al ricovero coatto.

Il giovane ha oggi 22 anni ed è ricoverato in una clinica psichiatrica. All'epoca del delitto aveva 16 anni e per l'uccisione della ragazza è stato condannato a quattro anni di detenzione: la pena massima prevista per i minorenni.

Il ragazzo, domiciliato a Mägenwil (AG), uccise la giovane apprendista, conosciuta attraverso una chat su internet, colpendola con un pezzo di legno il giorno del loro primo incontro, avvenuto il 7 agosto 2009 a Sessa, dove i suoi genitori hanno una casa di vacanza.

Il diritto penale minorile prevede che tutte le misure decise contro i minorenni cessino "con il compimento del 22esimo anno di età". La scorsa primavera la magistratura dei minorenni ha ordinato nei confronti del ragazzo un ricovero a scopo di assistenza in una struttura psichiatrica.

In seguito ad un ricorso, il Tribunale amministrativo cantonale ha già annullato la misura, ma le autorità sono nuovamente intervenute. Per motivi di sicurezza è stato emanato un cosiddetto "provvedimento supercautelare" contro la liberazione del giovane, che dalla scorsa estate si trova in una sezione chiusa di una clinica psichiatrica.

Raggiunto da un nuovo ricorso, il Tribunale federale ha stabilito che il Dipartimento cantonale dell'interno e l'Autorità di tutela dei minori non avevano la competenza di ricorrere contro la precedente decisione del Tribunale amministrativo.

I giudici di Losanna riconoscono che il giovane soffre di gravi disturbi psichici e che una vecchia perizia gli ha riconosciuto un "alto rischio di recidiva". Per questo motivo, il TF ha deciso che il ragazzo dovrà essere sottoposto ad una nuova perizia e che entro otto settimane il Tribunale amministrativo dovrà prendere una nuova decisione a proposito del ricovero a scopo di assistenza.

Un ricovero coatto - a quanto si è appreso di recente - costa 264'000 franchi all'anno al comune argoviese di Mägenwil, che si è perciò visto costretto ad aumentare le imposte. L'assemblea comunale ha approvato un aumento di 6 punti del coefficiente d'imposta, che è stato portato al 96%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS