Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seppur favorevole all'adeguamento dell'asse ferroviario del San Gottardo al trasporto di semirimorchi con un'altezza agli angoli di 4 metri al fine di agevolare il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia, la commissione delle finanze degli Stati (CdF-S) chiede che l'accordo per i previsti finanziamenti sul versante italiano sia sottoposto all'approvazione del parlamento. A tale proposito, la CdF-S è contraria all'idea di un contributo a fondo perso e domanda che il futuro accordo con Roma includa alcune condizioni da rispettare, come la reciprocità degli accordi bilaterali.

L'ampliamento dell'asse Basilea - San Gottardo - Chiasso - Milano/Novara entro il 2020, dopo l'apertura della galleria di base del Monte Ceneri, è valutato in 940 milioni di franchi, di cui 710 per lavori destinati in Svizzera e 230 milioni per opere a sud di Chiasso.

Per il consigliere agli Stati ticinese Fabio Abate (PLR), membro della CdF-S, l'accordo con l'Italia è molto importante per gli operatori del settore dei trasporti combinati, sia svizzeri che italiani. "Tuttavia - ha detto all'ats - l'idea di un contributo a fondo perso come ventilato dal Consiglio federale non è piaciuto per niente alla commissione".

Stando ad Abate, infatti, "in un contesto di difficile lettura nei rapporti con gli Stati vicini, soprattutto in prospettiva futura, la Svizzera non può preventivamente rinunciare ai diritti che scaturirebbero dal conferimento di una cifra di tale portata. Politicamente sarebbe incomprensibile". Al posto di un contributo a fondo perso, si potrebbe quindi pensare a un prestito, ha spiegato il consigliere agli Stati. In avvenire potremmo sempre far valere la nostra condizione di "creditori".

Per il "senatore" ticinese è importante sottolineare che si potrebbe completare il futuro accordo indicando chiaramente nel testo l'importanza del rispetto della reciprocità nei bilaterali, "affinché anche le ditte elvetiche possano partecipare alle gare di appalto per la realizzazione di opere in territorio italiano senza essere escluse in partenza".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS