Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il PPD raccomanda di respingere l'iniziativa popolare "per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi", in votazione il 13 febbraio. La decisione è stata presa con 149 voti contro 110 e otto astensioni dopo un acceso dibattito durante l'assemblea dei delegati in corso a Pratteln (BL).

Il comitato direttivo del partito e la maggioranza del gruppo parlamentare si erano già detti contrari all'iniziativa. Le Donne PPD e la sezione cantonale zurighese si erano invece pronunciate a favore.

Per gli oppositori un "sì" rovinerebbe la fiducia dello Stato nei cittadini e vuole solo sopprimere, prima o poi, l'esercito. Esso è diretto contro coloro che non rappresentano comunque un rischio, come soldati di milizia, cacciatori e tiratori, contro cittadini che rispettano le leggi, ha detto il consigliere di stato Peter Zwick (PPD/BL). La Svizzera dispone già di una delle leggi sulle armi più severe. Inoltre ci si intromette nella competenza dei cantoni.

Per i fautori, invece, ogni suicidio con un'arma d'ordinanza è uno di troppo, ha detto il consigliere nazionale Geri Müller (Verdi/AG), invitato all'assemblea. Secondo il collega Jacques Neirynck (PPD/VD) i valori cristiani difesi dal partito dovrebbero spingere a sostenere l'iniziativa: se il PPD è contro l'aborto e l'accompagnamento alla morte deve anche rifiutare ciò che può essere usato per un suicidio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS