Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

DELÈMONT - L'UDC non ha cambiato la propria opinione in merito all'accordo con gli Usa relativo a UBS: lo ha ribadito oggi, nel corso dell'assemblea dei delegati a Delèmont (JU), Christoph Blocher, precisando che il partito ha solo modificato la propria strategia.
La decisione è stata presa "per evitare che si arrivasse a qualcosa di peggio rispetto all'accordo con gli USA", ha affermato Blocher, riferendosi in particolare alla richiesta socialista di adottare misure concrete per i limitare i bonus. È chiaro comunque che tali cambiamenti di rotta improvvisi "non sono una buona cosa", ha ammesso il vicepresidente dell'UDC.
Blocher ha aggiunto di aver appreso solo dalla stampa della rabbia del vicepresidente romando Yvan Perrin e non ha voluto commentare ulteriormente i fatti. Perrin non è presente oggi all'assemblea, come pure il consigliere nazionale vallesano Oskar Freysinger. Secondo il coordinatore dell'UDC per la Svizzera romanda Claude-Alain Voiblet, tali assenze non hanno tuttavia nulla a che fare con quanto accaduto in merito all'accordo con gli USA.

SDA-ATS