Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il programma politico dell'UDC per il 2015-2019 non si differenzia molto dal precedente, ha affermato il presidente del partito Toni Brunner oggi davanti a una sala colma di delegati a Nottwil (LU). Ciò perché l'UDC rimane "fedele ai propri principi", "coerente" e senza sorprese.

Una differenza però c'è: la Svizzera è sempre più sotto pressione, dall'esterno ma anche dall'interno e la sovranità del Paese è messa in discussione, secondo il presidente del partito. Per questo l'UDC lancerà l'iniziativa "diritto svizzero invece di giudici stranieri". La raccolta delle firme inizierà ufficialmente a metà marzo.

Per Brunner l'indipendenza della Svizzera non è più garantita. Ne è la prova il fatto che il Consiglio federale negozia un legame istituzionale della Confederazione con l'Unione europea, legando in questo modo il diritto elvetico a quello dell'UE, ha spiegato.

Riguardo alle elezioni federali, Brunner ha poi dichiarato che c'è bisogno di un cambiamento della composizione del parlamento. Non ci deve essere una stagnazione, a suo avviso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS