Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I medicinali generici in Svizzera costano il doppio rispetto agli altri paesi europei, secondo un paragone effettuato da Interpharma, l'Associazione delle imprese farmaceutiche, e Santésuisse.

I principali farmaci protetti da brevetti invece sono del 10% più cari in media.

Le due organizzazioni hanno esaminato i 200 prodotti protetti che generano il maggior fatturato. "Il loro livello di prezzo è equivalente a quello della Germania e della Danimarca", è stato annunciato nel corso di una conferenza stampa oggi a Berna.

Per Thomas Cueni, segretario generale di Interpharma, la differenza del 10% è dovuta al rafforzamento del franco e al fatto che il numero di paesi presi in considerazione è passato da sei a nove. Lo studio, realizzato in settembre, si basa su un tasso di cambio di 1,20 franchi per un euro.

Per i medicinali non protetti e i generici, sono state esaminate circa 250 sostanze attive. I prodotti non più coperti da brevetto sono dell'12% più cari, i generici costano praticamente il doppio. Infatti nei paesi europei in media i generici costano il 53% in meno.

Per la direttrice di Santésuisse Verena Nold questa differenza è eccessiva. L'associazione di casse malattia chiede l'introduzione di un sistema di fissazione dei prezzi "efficace". Non è normale che gli assicurati debbano pagare così tanto", ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS