Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - È necessario risanare l'assicurazione disoccupazione: i suoi debiti hanno raggiunto i 7 miliardi di franchi, ha rilevato oggi a Berna Doris Leuthard, aggiungendo che la revisione proposta dal Consiglio federale rappresenta una soluzione dei problemi finanziari. La responsabile del Dipartimento federale dell'economia (DFE) ha presentato oggi alla stampa gli argomenti dell'esecutivo in vista della votazione popolare del 26 settembre.
La revisione prevede innanzitutto la riduzione "mirata" di alcune prestazioni e nel contempo preconizza un aumento delle entrate. I contributi passeranno così dal 2 al 2,2%, il che si tradurrà in un gettito supplementare di 648 milioni di franchi per le casse dello Stato. La riduzione delle prestazioni comporterà economie per 622 milioni.
Il Consiglio federale raccomanda di approvare la revisione. Solo un'assicurazione finanziariamente stabile permette di sostenere in modo efficace i senza lavoro, ha affermato la Leuthard. In caso di un "no" il 26 settembre, bisognerà procedere a un risanamento e l'aumento dei prelievi sui salari risulterebbe il doppo rispetto a quanto proposto dalla revisione.
Le misure di risparmio prevedono fra l'altro un prolungamento del periodo di attesa per poter beneficiare delle indennità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS