Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La comunità internazionale riconosce gli sforzi della Confederazione in materia di assistenza fiscale. In un rapporto pubblicato oggi, il Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni in ambito fiscale, annuncia che la Svizzera sarà ammessa alla seconda fase di esame da parte degli Stati membri dell'organizzazione.

La prossima tappa di valutazione dovrebbe iniziare il prossimo autunno, si focalizzerà sull'assistenza amministrativa in materia fiscale e durerà diversi mesi, indica un comunicato odierno del Segretariato di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

La decisione del Forum globale "è il risultato dell'intenso lavoro della Svizzera per una piazza finanziaria concorrenziale rispettosa degli standard internazionali", sottolinea il capo del SFI, Jacques de Watteville, citato nella nota.

Bloccata da diversi anni in fase 1, la Confederazione ha rivisto la sua legge sull'assistenza amministrativa fiscale. Entrata in vigore il primo agosto 2014, essa prevede che taluni contribuenti possano essere informati dopo la trasmissione dei loro dati alle autorità estere, e non prima.

La Svizzera ha pure ampliato la sua rete di accordi sullo scambio di informazioni in materia fiscale. Attualmente il nostro Paese dispone di 57 convenzioni per evitare le doppie imposizioni (CDI) conformi allo standard e accordi sullo scambio d'informazioni (TIEA).

Il 15 ottobre 2013 la Svizzera ha inoltre firmato la Convenzione del Consiglio d'Europa e dell'OCSE sulla reciproca assistenza amministrativa in materia fiscale e il 14 gennaio 2015 è stata avviata la relativa procedura di consultazione.

L'SFI ricorda inoltre che lo scorso dicembre le Camere federali hanno approvato la legge concernente l'attuazione delle raccomandazioni rivedute del Gruppo d'azione finanziaria (GAFI) in materia di lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, che forniranno maggiore trasparenza per quanto concerne le azioni al portatore.

Il Forum globale, composto da oltre 120 membri (fra cui l'Unione europea) verifica il rispetto dello standard in materia di assistenza amministrativa tramite valutazioni tra Paesi (Peer Reviews).

(atsi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS