Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Vendita record all'asta per il contratto di matrimonio di Napoleone Bonaparte con Giuseppina de Beauharnais, battuto ieri a Rueil-Malmaison, alle porte di Parigi - dove si trova anche il castello di Giuseppina - per 437.500 euro.

Il manoscritto stipula l'unione nel 1796 tra Napoleone, al tempo ancora giovane ufficiale, e Giuseppina, vedova e più anziana di lui di cinque anni.

Esistono solo due copie del contratto di cui una, quella dell'imperatore, è conservata alla Biblioteca nazionale di Francia. All'asta è andata la copia di Giuseppina, a lungo conservata dalla sua famiglia e poi finita in una collezione privata. Tra le curiosità del documento, il regime di separazione dei beni previsto dal contratto.

Il manoscritto era stimato tra i 60.000 e gli 80.000 euro. Se l'è aggiudicato il collezionista francese Gérard Lhéritier, presidente della società Artistophil e del Museo delle lettere e dei manoscritti di Parigi, per 350.000 euro (437.500 euro con le spese). Nel 2007, Lhéritier aveva acquistato all'asta anche il contratto di divorzio della coppia per 120.000 euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS