Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ospedale militare 'Sardar Mohammad Daud Khan' di Kabul, preso d'assalto stamattina.

KEYSTONE/AP/MASSOUD HOSSAINI

(sda-ats)

È di oltre 30 morti e più di 50 feriti il bilancio ufficiale dell'attacco sferrato oggi da un commando di kamikaze, rivendicato dall'Isis, all'ospedale militare 'Sardar Mohammad Daud Khan' di Kabul. Lo ha reso noto il ministero della Difesa afghano.

Il portavoce ministeriale Dawlat Waziri ha precisato che "le forze di sicurezza afghane, entrate nell'edificio contando sull'appoggio della missione 'Resolute Support' della Nato, hanno ucciso i quattro militanti del commando. Tutto è ora finito".

In mattinata tutti i pazienti erano stati evacuati attraverso le uscite di emergenza. Un soldato sarebbe deceduto e altri tre avrebbero riportato ferite.

L'ospedale 'Sardar Mohammad Daud Khan', il più importante nosocomio militare afghano, conta 400 letti ed è situato vicino all'ambasciata degli Stati Uniti a Kabul.

Il presidente Ashraf Ghani, in un intervento durante una manifestazione in occasione della Giornata internazionale della Donna, ha sostenuto che "siamo testimoni di un attacco terroristico che viola tutti i valori dei diritti umani. Dappertutto, e per tutte le religioni, gli ospedali sono luoghi intangibili. Per cui questo attacco ad un ospedale è un attacco a tutti gli afghani e alle donne".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS