Navigation

Attivisti per il clima in azione in una filiale dell'UBS a Losanna

Dopo Credit Suisse, gli attivisti per il clima protestano all'UBS. KEYSTONE/k_sim sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2020 - 15:54
(Keystone-ATS)

Gli attivisti per il clima, galvanizzati dalla vittoria giudiziaria di ieri, hanno organizzato un'altra azione di protesta contro una banca a Losanna. Stavolta sono entrati in una filiale dell'UBS per denunciare gli investimenti dell'istituto nei combustibili fossili.

All'azione hanno partecipato una trentina di attivisti. Vestiti in giacca e cravatta hanno sparso carbone nell'atrio dell'edificio. La protesta si è svolta in maniera pacifica. La polizia è sul posto, ma finora non è intervenuta, secondo quanto accertato da un giornalista di Keystone-ATS. I partecipanti hanno chiesto che UBS smetta immediatamente di investire nei combustibili fossili.

L'azione si è svolta nell'ambito della campagna per le elezioni suppletive al Consiglio di Stato vodese del 9 febbraio, hanno precisato i responsabili dello Sciopero per il clima di Vaud. Il movimento ha presentato una candidata, scelta a sorteggio.

Ieri il Tribunale distrettuale di Renens (VD) ha assolto dodici attivisti per un'azione condotta nel novembre 2018 nei locali di Credit Suisse a Losanna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.