Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'aumento dei prezzi delle materie prime a livello globale ha ripercussioni in Svizzera, in particolare per gli allevatori di maiali e polli, nonché per i produttori di uova. Le associazioni di categoria stimano il rincaro a oltre 100 milioni di franchi.

Tra dicembre e marzo, il prezzo di un pannello di soia senza Ogm è salito da 45 a 75-80 franchi per 100 chilogrammi, ha detto oggi all'ats il direttore dell'Associazione svizzera dei produttori di alimenti foraggeri (VSF) Rudolf Marti. Oltre alla soia, sono fortemente aumentati anche i prezzi della colza e del glutine di mais.

La Svizzera importa circa 320'000 tonnellate di questi prodotti ogni anno. L'aumento - di circa 300 franchi per tonnellata - ha quindi un costo complessivo pari a 100 milioni di franchi, afferma Marti, confermando quanto pubblicato da diversi organi di stampa.

Gli allevatori di maiali sono i più colpiti, con un costo aggiuntivo stimato a 60-70 milioni di franchi. Per questi contadini "la situazione è molto difficile" dato che si trovano in un mercato caratterizzato dalla sovrapproduzione e dai prezzi bassi. Per loro sarà quindi difficile ripercuotere le spese supplementari sull'acquirente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS