Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'aumento dei prezzi delle materie prime a livello globale ha ripercussioni in Svizzera, in particolare per gli allevatori di maiali e polli, nonché per i produttori di uova. Le associazioni di categoria stimano il rincaro a oltre 100 milioni di franchi.

Tra dicembre e marzo, il prezzo di un pannello di soia senza Ogm è salito da 45 a 75-80 franchi per 100 chilogrammi, ha detto oggi all'ats il direttore dell'Associazione svizzera dei produttori di alimenti foraggeri (VSF) Rudolf Marti. Oltre alla soia, sono fortemente aumentati anche i prezzi della colza e del glutine di mais.

La Svizzera importa circa 320'000 tonnellate di questi prodotti ogni anno. L'aumento - di circa 300 franchi per tonnellata - ha quindi un costo complessivo pari a 100 milioni di franchi, afferma Marti, confermando quanto pubblicato da diversi organi di stampa.

Gli allevatori di maiali sono i più colpiti, con un costo aggiuntivo stimato a 60-70 milioni di franchi. Per questi contadini "la situazione è molto difficile" dato che si trovano in un mercato caratterizzato dalla sovrapproduzione e dai prezzi bassi. Per loro sarà quindi difficile ripercuotere le spese supplementari sull'acquirente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS