Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagini della campagna elettorale australiana.

KEYSTONE/EPA AAP/DAN PELED

(sda-ats)

Resta incerto, alla sospensione dei conteggi in tarda serata, il risultato delle elezioni federali tenutesi oggi sabato 2 luglio in Australia.

Il governo conservatore di Malcolm Turnbull, che ha indetto elezioni anticipate otto settimane fa, ha subito uno 'swing', un'oscillazione contraria, del 3,6% su scala nazionale.

Nella Camera dei rappresentanti di 150 membri, eletta con il sistema maggioritario uninominale, sono necessari almeno 76 seggi per formare un governo di maggioranza, e resta in dubbio che il governo Turnbull possa conseguirli.

Con oltre il 70% dei voti contati, la coalizione conservatrice si è finora assicurata 71 seggi, mentre i laburisti guidati dall'ex leader sindacale Bill Shorten sono già saliti da 55 a 68 seggi. I verdi mantengono un seggio, altri quattro vanno a indipendenti e sei ancora restano da assegnare.

Il conteggio dei voti al Senato, eletto con il proporzionale, richiederà fino a cinque settimane, data la complessa assegnazione delle preferenze. È quindi probabile che la compagine conservatrice finisca costretta a guidare un governo di minoranza con il sostegno di indipendenti. E a dover trattare con un Senato 'ingovernabile', con un alto numero di verdi e di indipendenti, che renderà difficile il passaggio di riforme già bloccate al Senato, che hanno motivato la convocazione di elezioni anticipate: in particolare l'istituzione di una commissione di controllo sui sindacati nell'industria delle costruzioni, e la concessione di sgravi fiscali alle imprese.

Durante la campagna elettorale Turnbull ha sostenuto che gli australiani avevano davanti una scelta netta, fra un chiaro piano economico per la crescita e l'occupazione e il caos di un governo laburista di minoranza, in alleanza con i verdi e con indipendenti.

I laburisti dal canto loro hanno sostenuto che la coalizione conservatrice rimane profondamente divisa fra il moderato Turnbull e l'ala ultraconservatrice del partito, legata all'ex primo ministro Tony Abbott. Shorten ha affermato ripetutamente che i conservatori vogliono privatizzare la mutua nazionale Medicare, e sembra che la promessa di proteggerla abbia avuto effetto su molti elettori, nonostante le smentite di Turnbull. Il conteggio dei voti riprenderà domenica.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS