Navigation

Australia: esplosioni per enorme incendio in azienda chimica

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2011 - 09:38
(Keystone-ATS)

I vigili del fuoco nella capitale australiana Canberra sono riusciti oggi a tenere sotto controllo un enorme incendio chimico scoppiato verso la mezzanotte (locale) in un sito industriale nella periferia nord, che ha causato evacuazioni di centinaia di abitanti e la chiusura di strade e di alcune scuole, ma non prevedono di estinguerlo prima di domani. Entro un raggio di 10 km è stato raccomandato ai residenti di non uscire di casa e di tenere chiuse le finestre.

L'incendio, scoppiato in una fabbrica che ricicla olio infiammabile in un prodotto usato nei trasformatori, ha causato una serie di esplosioni che hanno svegliato i residenti, molti dei quali hanno visto sfere di fuoco proiettate a centinaia di metri di altezza. Il rogo ha causato un pennacchio di fumo potenzialmente tossico, visibile a distanza di chilometri, che secondo i servizi di emergenza potrebbe contenere fosgene, un gas che può provocare irritazioni alla pelle e agli occhi e nausea. Si ha notizia di due feriti non gravi.

I vigili del fuoco tentano di ricoprire di schiuma il liquido infiammabile per impedire la dispersione di gas tossici, ma il vento contrario rende difficile l'operazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?