Navigation

Australia: protesi al seno ritirate per timori cancro

Tumori al seno, Australia ritira protesi mammarie. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2019 - 10:01
(Keystone-ATS)

L'ente australiano di sorveglianza medica Therapeutic Goods Administration (TGA) ha adottato misure di controllo su tutte le protesi al seno e gli espansori di tessuto venduti nel paese, in seguito al timore di una rara forma di cancro.

Otto tipi di impianti mammari testurizzati 'macro' e 'micro' dovranno essere ritirati e saranno proibiti per i prossimi sei mesi, mentre i produttori dovranno affrontare "diversi problemi di sicurezza e di performance" - ha annunciato l'ente regolatore.

La misura è stata suggerita da crescenti preoccupazioni su legami fra certi tipi di protesi e una rara forma cancro nota come Breast Implant-Associated Anaplastic Large Cell Lymphoma (BIA-ALCL). La misura fa seguito a indagini esaustive e circa 700 casi confermati nel mondo, di cui 107 in Australia, del raro tumore del sistema immunitario, che si sviluppa nel fluido e nel tessuto cicatriziale attorno agli impianti. Quattro donne sono morte in Australia e una in Nuova Zelanda.

"Questi otto prodotti non potranno essere importati, esportati o forniti in Australia mentre la TGA collabora con il settore per assicurare che aderiscano ai requisiti necessari per la sicurezza delle pazienti. Ogni scorta presente nel mercato sarà ritirata durante il periodo di sospensione", comunica l'ente, che tuttavia non arriva a raccomandare la rimozione delle protesi, se la persona non denuncia sintomi o preoccupazioni.

Il provvedimento è stato ben accolto dal presidente dall'Australian Society of Plastic Surgeons Gazi Hussain, che l'ha definito "sensato e misurato", riconoscendo che "minimizza il rischio per le donne che richiedono protesi al seno, mentre assicura che non siano limitate le opzioni per le donne che richiedono chirurgia ricostruttiva dopo un cancro al seno".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.