Navigation

Australia: surfista prende a pugni squalo e salva sua moglie

In Australia un surfista ha salvato la vita alla moglie, attaccata da uno squalo, tuffandosi dalla sua tavola sul predatore e costringendolo a pugni a mollare la presa. KEYSTONE/AP/Rick Rycroft sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2020 - 21:58
(Keystone-ATS)

In Australia un surfista ha salvato la vita alla moglie, attaccata da uno squalo, tuffandosi dalla sua tavola sul predatore e costringendolo a pugni a mollare la presa.

La donna, Chantelle Doyle, 35 anni, è stata attaccata mentre stava facendo il surf insieme al marito, Mark Rapley, al largo di Shelly Beach, a Port Macquarie, nello stato del Nuovi Galles del Sud, a nord di Sydney. Lo rivelano vari media, fra cui BBC.

Il gesto pronto coraggioso del marito - che le si è avvicinato nuotando sulla tavola, ha respinto con ripetuti pugni lo squalo di tre metri di lunghezza e ha riportato la consorte a riva - le ha salvato la vita. Ma Doyle ha riportato gravi ferite a una gamba ed è stata portata in elicottero all'ospedale di Newcastle, dove - dicono i media - è in condizioni stabili.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.