Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Società australiana in continuo cambiamento: sempre più vecchi e meno religiosi, secondo ultimi dati (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/RICK RYCROFT

(sda-ats)

In rapido cambiamento demografico, l'Australia sta invecchiando, con un residente su sei sopra i 65 anni. La popolazione è meno religiosa e più diversificata etnicamente, in particolare sempre più asiatica, di quanto lo sia mai stata.

È il quadro offerto dal censimento 2016 i cui dati sono stati diffusi oggi dall'Australian Bureau of Statistics, secondo i quali alla mezzanotte del 9 agosto scorso la popolazione aveva superato di poco i 23 milioni e 402 mila abitanti.

Rispetto al 1966, quando la proporzione di chi aveva indicato 'nessuna religione' era appena lo 0,8%, si è moltiplicata fino al 29,6%, quasi il doppio del 16% registrato nel 2001. Rispetto a 50 anni fa, la proporzione degli australiani che si identificano come cristiani di varie denominazioni, è crollata dall'88,2 al 52,1%, mentre si sono moltiplicati i fedeli di religione islamica (ora al 2,6%), i buddisti (ora 2,4%) e gli induisti (1,9%).

Quasi metà della popolazione è nata all'estero o ha almeno uno dei genitori nati all'estero. Quasi un milione sono nati in Cina o in India, le maggiori fonti di immigrazione fra gli 1,3 milioni di nuovi immigrati insediatisi dal precedente censimento del 2011. Tra i residenti nati all'estero in 180 Paesi, i nati in Gran Bretagna restano i più numerosi (5% della popolazione) seguiti dai nati in Nuova Zelanda (2,5%), in Cina (2,2%), India (1,9%), Filippine e Vietnam (1,%). I nati in Italia, un tempo i più numerosi dopo britannici e neozelandesi, sono ora allo 0,8%, alla pari con i sudafricani.

L'inglese è ancora la sola lingua principale più parlata in casa (74,7%), ma vi sono 301 altre diverse lingue parlate nel Paese. La più frequente è il cinese mandarino (2,5%) seguita dall'arabo (1,4%) dal vietnamita e dal cinese cantonese (1,2% ciascuno). In forte aumento le coppie dichiarate dello stesso sesso, quasi 47 mila. Il numero di coppie maschili e femminili è circa uguale, ma le coppie composte da due femmine hanno figli in una proporzione cinque volte maggiore di quelle composte da due maschi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS