La ex deputata austriaca del partito dei Verdi Sigi Maurer è stata condannata dal tribunale di Vienna oggi per aver reso pubblici via twitter i messaggi osceni a sfondo sessuale che aveva ricevuto via facebook dal proprietario di una birreria.

L'uomo si era difeso dicendo che non era stato lui ad inviare i messaggi e aveva contrattaccato denunciandola per calunnia via social media.

Oggi il giudice ha riconosciuto la ex deputata colpevole di calunnia, condannandola a pagare 7000 euro (circa 8000 franchi), oltre alle spese processuali perché i suoi avvocati non sono riusciti a dimostrare che i messaggi sono stati mandati, oltre ogni ragionevole dubbio, dall'uomo in questione. Il proprietario della birreria si è infatti difeso dicendo che il computer da cui è partito il messaggio è in un luogo pubblico, la sua birreria appunto, e chiunque altro avrebbe potuto scriverle. Al pronunciamento della decisione del tribunale la ex deputata 33enne ha annunciato via twitter che farà ricorso.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.