Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Auto elettriche saranno obbligate a fare rumore

Dovranno far rumore

KEYSTONE/URS FLUEELER

(sda-ats)

Per motivi di sicurezza, le auto elettriche dovranno fare rumore sulle strade svizzere a partire da metà 2019. La Confederazione si adeguerà in questo modo alla legislazione europea in materia, riporta nella sua edizione odierna la NZZ am Sonntag.

La notizia è stata confermata a Keystone-ATS da Thomas Rohrbach, portavoce dell'Ufficio federale delle strade (USTRA). Sui nuovi modelli dovrà pertanto essere installato un sistema di allarme acustico.

Il suono sarà generato tramite altoparlanti esterni a tenuta stagna, in grado di riprodurre il rumore del motore. Tale provvedimento varrà anche per i veicoli a celle a combustibile e per le vetture ibride dotate di un motore elettrico.

Secondo il portavoce tuttavia, l'allarme di avvertimento artificiale sarà molto più silenzioso rispetto a un motore a benzina o diesel. Perciò stando all'USTRA non vi saranno problemi a livello acustico.

Dalla metà del 2021, i vecchi modelli potranno essere venduti unicamente se equipaggiati di questo sistema. Quelli già in circolazione invece non dovranno venire adattati.

La misura è stata accolta positivamente dalla Federazione svizzera dei non vedenti e ipovedenti (SBV-FSA), che però non è ancora del tutto soddisfatta. Sollecitato da Keystone-ATS, il suo portavoce Alfred Rickli ha evidenziato che per la categoria "la mobilità silenziosa è una grande sfida nella vita quotidiana".

L'associazione vuole ora che sia possibile udire i suoni anche quando i veicoli sono fermi ma accesi. È inoltre favorevole a estendere "l'obbligo di rumore" pure alle biciclette elettriche veloci.

Su un totale di 4,5 milioni di auto immatricolate in Svizzera a fine 2017, 15'000 erano elettriche e 67'000 ibride.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.