Navigation

Autorizzato in Europa il primo vaccino contro Ebola

L'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha raccomandato l'autorizzazione alla vendita del primo vaccino contro il virus Ebola. KEYSTONE/EPA/HUGH KINSELLA CUNNINGHAM sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2019 - 16:57
(Keystone-ATS)

Via libera in Europa al primo vaccino contro il virus Ebola. A deciderlo è stato il comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia Europea dei Medicinali (Ema), che ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata nell'UE per Ervebo.

Si tratta del primo vaccino per soggetti di età pari o superiore a 18 anni a rischio di infezione. Il vaccino Ervebo, prodotto da Merck, è già stato utilizzato in Congo in via sperimentale. Sempre in Africa è da poco impiegato, sempre in via sperimentale, anche un secondo vaccino.

Per il direttore esecutivo Ema, Guido Rasi, è "un passo importante per alleviare il peso di questa malattia mortale" e "la raccomandazione è il risultato di molti anni di sforzi globali collaborativi per sviluppare nuovi medicinali e vaccini contro l'Ebola".

L'attuale epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha infettato oltre 3'000 persone con tassi di mortalità di circa il 67%. Qui, il vaccino Ervebo viene utilizzato in base a un protocollo di "uso compassionevole" per proteggere le persone a più alto rischio di infezione, come operatori sanitari o persone che sono venute a contatto con pazienti infetti.

Di recente il suo utilizzo, in Congo, è stato affiancato da un secondo vaccino, utilizzato sempre in via sperimentale, prodotto dalla Johnson & Johnson. Lo sviluppo clinico di Ervebo è stato avviato in risposta all'epidemia di Ebola del 2014-2016 in collaborazione con istituzioni nazionali internazionali di sanità pubblica.

Si tratta di un vaccino vivo attenuato e i dati provenienti da studi clinici e programmi di uso compassionevole hanno dimostrato che protegge contro la malattia dopo una singola dose. Ervebo è stato testato in circa 16.000 soggetti coinvolti in numerosi studi clinici in Africa, Europa e Stati Uniti, dimostrandosi sicuro ed efficace. Il parere dell'Ema verrà ora inviato alla Commissione europea per l'adozione della decisione su un'autorizzazione all'immissione in commercio a livello UE.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.