Navigation

Averi libici bloccati in Svizzera non andranno a insorti

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2011 - 19:42
(Keystone-ATS)

Per il momento la Svizzera non verserà gli averi libici congelati dallo scorso febbraio nel fondo di aiuto destinato agli insorti. Una confisca di questi beni deve essere coordinata a livello internazionale, ha indicato oggi all'ATS la Segreteria di stato dell'economia (Seco). "Idealmente ciò può essere fatto tramite una decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite".

È necessario disporre di una base legale solida: il sequestro di beni è "un intervento grave" a livello legale, ha spiegato la Seco.

Lo scorso 21 febbraio il Consiglio federale aveva ordinato il congelamento dei fondi depositati in Svizzera da Muammar Gheddafi e dalla sua cerchia. Secondo il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), gli averi bloccati finora ammontano a 360 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.