Navigation

Baghdadi ucciso in un raid Usa

Abu Bakr al Baghdadi è morto, stavolta davvero, ha annunciato il presidente americano Donald Trump. KEYSTONE/AP/MANUEL BALCE CENETA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2019 - 19:46
(Keystone-ATS)

Abu Bakr al Baghdadi è morto, stavolta davvero. Sono passate da poco le nove del mattino alla Casa Bianca e Donald Trump lo annuncia al mondo in diretta tv.

Il leader supremo dell'Isis, dopo una caccia durata anni, è finito "come un cane, come un codardo", inseguito dagli uomini delle forze speciali americane in un tunnel segreto del suo nascondiglio, nel nord-ovest della Siria. Lo hanno sentito piangere e urlare prima di farsi saltare in aria, uccidendo nell'esplosione tre dei suoi figli che erano con lui.

"Un successo incredibile, una grande notte per gli Usa e per il mondo intero", ha esultato il presidente americano. Dalla Situation Room ha seguito passo passo il raid affidato ai Rambo della Delta Force, a cui avrebbe dato il via libera una settimana fa. Un blitz durato circa due ore, col tycoon costantemente informato sull'andamento dell'operazione fino alla comunicazione finale, quella più attesa, quando tutto attorno al compound vicino a Idlib era tornata la calma: "Signor presidente, è lui!".

La maschera della tensione, immortalata in uno scatto, allora si è sciolta sul viso di Trump, attorniato dai fedelissimi: il vicepresidente Mike Pence, il consigliere per la Sicurezza nazionale Robert O'Brien, i capi del Pentagono e del Dipartimento di Stato Mark Esper e Mike Pompeo. E poi i vertici dell'intelligence, determinanti nel localizzare l'obiettivo.

"È stato come guardare un film", ha spiegato il presidente davanti alle telecamere. Raggiante, nonostante i segni della stanchezza. E non potrebbe essere diversamente: piazza il grande colpo nel momento più difficile della sua presidenza, schiacciato tra l'indagine per impeachment e la controversa decisione di ritirare le truppe Usa dalla Siria, abbandonando gli alleati curdi di fronte all'offensiva turca. Proprio quegli alleati che lo hanno aiutato a sbaragliare lo Stato islamico.

E invece all'improvviso per lui arriva il momento della rivincita, quello in cui a testa alta può parlare da vero Commander in Chief, rivendicando il ruolo che finora era riuscito a interpretare con maggiore difficoltà. Ora anche lui, come Barack Obama, ha il suo scalpo. E il tycoon non riesce a trattenersi dal fare un confronto: al Baghdadi, per lui, "è più importante" di Osama bin Laden.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.