Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Bagno di sangue in Sud Sudan, 200 morti in due giorni

Nella capitale del Sud Sudan continuano i combattimenti. In due giorni morte almeno 200 persone (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/EPA FILE/PHILLIP DHIL

(sda-ats)

Almeno 200 morti, forse di più. È il bilancio ancora provvisorio degli scontri avvenuti nel finesettimana a Juba, capitale del Sud Sudan, tra le forze fedeli al presidente Salva Kiir e quelle che appoggiano il primo vicepresidente Riek Machar.

I combattimenti sono continuati nei pressi delle caserme della città e vicino a una base dell'Onu, due giorni dopo il quinto anniversario dell'indipendenza dello Stato più giovane del mondo.

In nottata vi è stata una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. L'appello di ieri sera del segretario generale Ban Ki-moon a Kiir e Machar è stato di fare quanto possibile per far cessare "questa insensata e inaccettabile violenza che ha il potenziale di far regredire i progressi fatti finora nel processo di pace". Ban, che si è detto "scioccato e inorridito" dalla violenza degli scontri e ha chiesto "azioni determinate" per riprendere il controllo della situazione, ha confermato che basi dell'Onu e siti di protezione dei civili sono rimasti presi nel fuoco incrociato.

Gli scontri erano iniziati tre giorni fa nei pressi del palazzo presidenziale dove Machar e Kiir preparavano un comunicato comune su altri incidenti avvenuti il giorno precedente. Gli scontri tra le opposte fazioni sono costati in due anni e mezzo decine di migliaia di morti e hanno provocato una grave crisi umanitaria in un Paese già poverissimo nonostante le ingenti riserve petrolifere.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.