Navigation

Bahrein: proteste, 'torturati' medici accusati di golpe

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2011 - 15:36
(Keystone-ATS)

Alcuni medici del Bahrein, sotto processo a Manama con l'accusa di "tentato golpe" per aver soccorso dei manifestanti sciiti che nei mesi scorsi chiedevano profonde riforme costituzionali nel piccolo regno del Golfo, sono stati sottoposti a tortura da parte della polizia del Bahrein che avrebbe così estorto le loro confessioni false.

Lo hanno dichiarato alcuni familiari e parenti di alcuni medici sotto accusa, citati dall'agenzia di notizie di Manama (Bna). I medici, arrestati a marzo, sono stati interrogati da un tribunale speciale in cui vengono applicate le leggi dello stato di emergenza decretato a marzo dal Re Hamad Al Khalifa.

Secondo le testimonianze dei familiari degli accusati, i medici sarebbero stati costretti a firmare delle dichiarazioni che contenevano delle accuse false. La repressione decisa dalla casa regnante (sunnita) dei Khalifa, col sostegno militare dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, aveva a marzo soffocato le proteste pacifiche dei manifestanti, per lo più sciiti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.