Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scontri e lancio di lacrimogeni hanno caratterizzato manifestazioni in varie città del Bahrein per protestare contro le condanne, di cui due a morte, nei confronti di oppositori politici.

Lo ha riferito l'emittente iraniana PressTv, precisando che durante le manifestazioni "sono stati scanditi slogan contro la dinastia regnante Al Khalifah e di solidarietà con il popolo dello Yemen".

Le proteste sono scaturite dalle condanne a cinque e due anni di reclusione inflitte questa mattina dalla Corte penale del Bahrein a due attivisti accusati di aver collocato esplosivi a Bilad al-Qadim, sobborgo di Manama, mentre altre cinque persone sono state condannate a cinque anni di reclusione per aver favorito la fuga di un prigioniero.

La Corte ha anche condannato a morte altri due oppositori, Mohammed Ibrahim Al Tawq e Mohammed Radi Abdullah. Nel corso delle manifestazioni è stata anche contestata la condanna a dieci anni nei confronti del leader del blocco di opposizione, Hassan Isa, accusato di finanziamento di un gruppo terroristico. Isa ha sempre negato ogni addebito.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS