Tutte le notizie in breve

Scontri e lancio di lacrimogeni hanno caratterizzato manifestazioni in varie città del Bahrein per protestare contro le condanne, di cui due a morte, nei confronti di oppositori politici.

Lo ha riferito l'emittente iraniana PressTv, precisando che durante le manifestazioni "sono stati scanditi slogan contro la dinastia regnante Al Khalifah e di solidarietà con il popolo dello Yemen".

Le proteste sono scaturite dalle condanne a cinque e due anni di reclusione inflitte questa mattina dalla Corte penale del Bahrein a due attivisti accusati di aver collocato esplosivi a Bilad al-Qadim, sobborgo di Manama, mentre altre cinque persone sono state condannate a cinque anni di reclusione per aver favorito la fuga di un prigioniero.

La Corte ha anche condannato a morte altri due oppositori, Mohammed Ibrahim Al Tawq e Mohammed Radi Abdullah. Nel corso delle manifestazioni è stata anche contestata la condanna a dieci anni nei confronti del leader del blocco di opposizione, Hassan Isa, accusato di finanziamento di un gruppo terroristico. Isa ha sempre negato ogni addebito.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve