Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BELGRADO - Anni dopo la fine dei conflitti in Croazia (1991-1995), in Bosnia (1992-1995) e nel Kosovo (1998-1999) risultano disperse ancora 14'650 persine, secondo le cifre del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR).
I casi di questi dispersi hanno ancora un impatto su circa 200 mila loro famigliari che ancora li stanno cercando, sperando almeno di dar loro sepoltura, ha affermato a Belgrado Paul-Henri Arni, capo della delegazione regionale del CICR, alla vigilia della Giornata mondiale dei dispersi.
Per ricordare la gravità del problema, la Croce Rossa ha inaugurato a Belgrado una mostra e pubblicato un libro dal titolo "Cronache di vite scomparse", che raccontano la storia di 15 persone dei Balcani cui famigliari risultano dispersi nelle guerre degli anni '90.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS