Navigation

Balzo per le vendite di Logitech, con il Covid webcam vanno a ruba

Un marchio ben familiare nel mondo informatico. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2020 - 11:00
(Keystone-ATS)

La domanda di mouse, tastiere, webcam e prodotti analoghi dovuta al confinamento durante la crisi del coronavirus ha messo le ali alle vendite di Logitech.

Stando ai dati pubblicati oggi nel periodo aprile-giugno (primo trimestre dell'esercizio 2020/2021) la multinazionale vodese specializzata nelle periferiche per computer ha visto aumentare il fatturato del 23% su base annua a 792 milioni di dollari (743 milioni di franchi). Il risultato operativo è salito del 75% a 117 milioni, mentre l'utile netto si è attestato a 72 milioni (+59%).

In un comunicato il presidente della direzione Bracken Darrell non esista a parlare di un trimestre "eccezionale". A trainare le vendite sono stati in particolare le webcam (+116%) e i sistemi di videoconferenza (+77%). Un po' meno marcata è stata la progressione delle console di gioco (+35%) e delle tastiere (+13%).

I dati pubblicati oggi sono ampiamente superiori alle previsioni degli analisti e l'effetto in borsa non è mancato: nei primi scambi il titolo è arrivato a guadagnare sino al 6%. Ma per gli investitori le buone notizie non sono finite qui. Sulla scia del positivo andamento degli affari i vertici della società hanno anche ritoccato al rialzo le previsioni per l'insieme dell'esercizio 2020/2021: ora è attesa una crescita dei ricavi del 10-13% (contro 5% nella stima precedente) e un utile operativo di 410-425 milioni (380-400 milioni).

Fondata nel 1981 a Apples (VD), Logitech si è rapidamente espansa nella Silicon Valley californiana. Oggi è una realtà presente in tutto il mondo con prodotti di vari marchi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.