Navigation

Bambini vittime lavoro minorile in Svizzera: chiesti risarcimenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2011 - 15:05
(Keystone-ATS)

Compensazioni finanziarie a favore dei cosiddetti "Verdingkinder", i ragazzi minorenni - spesso orfani o figli di coppie divorziate - che venivano affidati a famiglie terze, perlopiù contadine, e costretti a dure condizioni di lavoro, secondo una prassi che è rimasta in vigore fino ai primi decenni dello scorso secolo.

La rivendicazione è stata avanzata da Walter Zwahlen, presidente dell'associazione "netzwerk-verdingt", che non si accontenta di semplice scuse pubbliche, peraltro già promesse dal Consiglio federale per la prossima primavera.

Zwahlen ha indicato che ancora non si possono quantificare i risarcimenti. Si ritiene tuttavia che in Svizzera le vittime del lavoro infantile ancora in vita siano 10 mila. Calcolando un indennizzo di 120 mila franchi a testa, risulterebbe una somma complessiva di 1,2 miliardi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?