Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon ha elogiato l'impegno della cancelliera tedesca Angela Merkel nella crisi dei profughi: "È un'autentica voce morale, non solo in Europa ma nel mondo intero", ha detto durante la conferenza stampa congiunta a Berlino.

"Siamo entrambi preoccupati per la massiccia migrazione di gente che lascia il proprio paese e arriva in Europa - ha proseguito Ban - e anche in questo caso la cancelliera si è impegnata con passione ed empatia per migliorare la situazione dei profughi e soprattutto per un'azione europea".

Ban ha poi insistito, rivolgendosi a Merkel: "Ha detto che non è possibile voltare le spalle a chi è in difficoltà e si è per questo impegnata a favore del diritto dei popoli e degli uomini".

Il segretario generale dell'Onu, sempre con riferimento alla sfida dei profughi, ha quindi ricordato il ruolo unificante della cancelliera in un'Europa in cui c'è spesso la tentazione di alcuni Paesi di prendere strade individuali esaltandone le qualità di leadership.

Alla domanda se Merkel possa succedergli alla guida dell'Onu, Ban ha ribadito gli elogi alla cancelliera ma ha evitato di dare una risposta precisa.

Quindi Ban si è augurato che Europa e Turchia proseguano il dialogo sulla crisi dei profughi e trovino una soluzione soddisfacente per tutte e due le parti, ha ricordato come la Turchia sia impegnata nel sostegno a 2,8 milioni di profughi e ha auspicato che l'Europa sappia muoversi unita.

Infine, un appello al governo siriano affinché si adoperi seriamente per la buona riuscita dei colloqui di pace in programma domani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS