Navigation

Banca Inghilterra taglia stime crescita e inflazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 agosto 2010 - 13:17
(Keystone-ATS)

LONDRA - L'inflazione in Gran Bretagna sarà probabilmente inferiore agli obiettivi di politica monetaria anche nel 2012, e la crescita più debole del previsto.
La previsione è della Banca d'Inghilterra, il cui governatore Mervyn King, all'indomani della revisione al ribasso delle stime di crescita da parte della Federal Reserve americana, ha segnalato che la Gran Bretagna potrebbe necessitare di ulteriori misure di sostegno all'economia.
Il tasso d'inflazione, nelle nuove stime della Bank of England contenuta nel Rapporto trimestrale sull'inflazione presentato oggi, viaggerà a circa l'1,5% da qui a due anni, al di sotto del 2% obiettivo della banca centrale. E le prospettive di crescita non raggiungeranno più un tasso annuo massimo d'espansione del 3,6%, fermandosi al 3%. "Le prospettive nel complesso sono più deboli rispetto a quelle anticipate a maggio", ha detto King, citando la "persistenza di condizioni creditizie difficili".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.