Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca Migros ha proseguito la sua crescita nel 2014. I proventi operativi hanno raggiunto un nuovo massimo storico superando i 600 milioni di franchi (614 milioni, +3%), indica oggi l'istituto in una nota. Anche l'utile lordo - di 329 milioni di franchi - ha registrato un nuovo record oltrepassando del 6,1% quello dell'anno precedente. L'utile netto ha messo a segno un aumento ancora maggiore, progredendo del 29,4% a 225 milioni di franchi.

La banca continua a registrare una forte crescita dei depositi a risparmio. L'anno scorso il totale dei fondi della clientela è salito di 1,5 miliardi di franchi, ossia del 4,8%, a 32,3 miliardi. Il progresso più sostenuto ha riguardato i conti privati e Premium (+10,6%), seguiti dai conti di previdenza del secondo e terzo pilastro (rispettivamente +6,0% e +8,8%).

Dal canto loro, i prestiti ipotecari sono aumentati di 1,4 miliardi di franchi, ossia del 4,6%, a 32,6 miliardi. La Banca Migros "si è coerentemente attenuta ai suoi criteri di concessione dei prestiti improntati alla cautela", scrive l'istituto. Alla data di riferimento del bilancio il portafoglio ipotecario dell'edilizia abitativa era composto per il 97% di ipoteche di primo grado con una quota di anticipo fino al 67%. L'ammontare medio del finanziamento era di 304'000 franchi per la proprietà per piani e di 415'000 franchi per le case unifamiliari. Le ipoteche fisse raggiungevano una quota superiore al 90% del totale. Le ipoteche Libor hanno rappresentato un buon 5%.

Anche i mandati di gestione patrimoniale hanno registrato un netto incremento: il loro numero è aumentato del 7,2%. Il volume dei propri fondi d'investimento ha superato la soglia dei 2 miliardi.

"Nonostante l'aspra concorrenza sulle condizioni ipotecarie" il risultato da operazioni su interessi è migliorato del 2,7% a 488 milioni di franchi. Altrettanto positivo è stato il risultato delle operazioni in commissione (83 milioni, +2,2%) e di quello da operazioni di negoziazione (36 milioni, +10,3%).

Rispetto all'esercizio precedente i costi operativi sono diminuiti dello 0,3% a 285 milioni di franchi. Le spese per il personale hanno raggiunto 174 milioni di franchi, con un calo dello 0,8% dal livello dello scorso anno. A fine anno l'organico contava 1317 unità a tempo pieno rispetto alle 1354 del 2013; 73 unità riguardavano personale in formazione.

La Banca Migros giudica "moderatamente favorevoli" le prospettive per l'esercizio 2015 e si dice "ben equipaggiata per operare con successo in un contesto più difficile".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS