Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Aumenta il peso dei Paesi emergenti all'interno della Banca Mondiale. I 186 Paesi membri dell'istituto di Washington hanno infatti dato il via libera oggi ad un aumento di capitale per complessivi 5,1 miliardi di dollari e a un trasferimento del 3,13% dei diritti di voto ai Paesi in via di sviluppo, che riguarderà principalmente gli emergenti.
L'accordo prevede un aumento di capitale in due tranche: un aumento definito "generale" da 3,5 miliardi di dollari al quale parteciperanno tutti i Paesi, e un altro "selettivo" da circa 1,6 miliardi di dollari che vedrà il contributo dei Paesi che devono aumentare i propri diritti di voto.
Tale aumento permette dunque un trasferimento del 3,13% dei diritti di voto ai Paesi "in via di sviluppo e in transizione" di cui beneficeranno essenzialmente i Paesi emergenti. Tra questi, il maggior contributo arriverà dalla Cina, che vedrà passare i suoi diritti di voto dal 2,77% al 4,42%. Gli altri grandi beneficiari saranno il Brasile, con diritti di voto che passeranno dal 2,06% al 2,24%, e l'India dal 2,77% al 2,91%.
"E' un gran giorno per il multilateralismo", ha detto il presidente dalla Banca Mondiale Robert Zoellick, mostrandosi soddisfatto per un "insieme di riforme storiche".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS