Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Accordo tra parlamento europeo e Consiglio sulla supervisione bancaria affidata alla Banca centrale europea (Bce): è quanto annunciano i negoziatori, tra cui il commissario al mercato interno Michel Barnier. Si tratta dell'ultimo via libera politico di cui il primo passo dell'unione bancaria aveva bisogno per poter entrare in vigore.

L'accordo trovato oggi, che chiude il negoziato politico prima dell'approvazione della plenaria del parlamento europeo, lascia sostanzialmente invariato il disegno di supervisione bancaria definito dal Consiglio.

La supervisione unica è affidata alla Banca centrale, e riguarderà le banche che hanno asset per almeno 30 miliardi o per il 20% del pil del paese, o che operano in almeno due paesi. Gli altri resteranno sotto la supervisione delle autorità nazionali.

Di fatto la supervisione sarà affidata a un 'Consiglio dei supervisori' creato nella Bce, e oggi il parlamento Ue ha spuntato una maggiore voce in capitolo sulla nomina della sua guida. Un altro punto su cui gli eurodeputati hanno insistito è la trasparenza, e quindi sarà più facile accedere alla documentazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS