Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BASILEA - Le 24 banche cantonali hanno realizzato nei primi sei mesi del 2010 un utile netto complessivo di 1,28 miliardi di franchi, in flessione del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2009. L'utile lordo è diminuito ancor più fortemente, del 10,9% a 2 miliardi.
Solo le operazioni in commissione e le prestazioni di servizi hanno registrato un incremento (+9,7% a 1,079 miliardi di franchi), ha comunicato oggi l'Unione delle banche cantonali svizzere. Le operazioni su interesse hanno registrato un calo del 3,4% a 2,6 miliardi. Le negoziazioni sono crollate di un terzo a 436,7 milioni, mentre gli altri risultati ordinari si sono ridotte del 35,1% a 158,6 milioni.
Le banche cantonali non hanno comunque perso la fiducia della clientela: rispetto alla fine del 2009 i patrimoni gestiti sono saliti del 2,4% a 283,4 miliardi di franchi. Nel giro di sei mesi i crediti cumulati concessi sono cresciuti del 2,8% a 313,7 miliardi. Infine, il totale di bilancio è salito del 5,4% a 442,4 miliardi di franchi tra gennaio e giugno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS