Navigation

Banche in Svizzera: forte calo del risultato aggregato nel 2019

Gli effettivi delle banche attive in Svizezra sono diminuiti in un anno di 1'304 unità a 106'084 in equivalenti a tempo pieno. Keystone/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2020 - 13:00
(Keystone-ATS)

Le 246 banche presenti in Svizzera nel 2019 hanno realizzato lo scorso anno un risultato aggregato di appena 752 milioni di franchi, 10,8 miliardi in meno del 2018. Il totale di bilancio è salito del 2,9% a 3'317,6 miliardi.

Dal rapporto annuale sulle banche della Banca nazionale svizzera (BNS) emerge che dei 246 istituti (due in meno dell'anno prima) 216 hanno conseguito utili per complessivamente 13,1 miliardi di franchi, mentre 30 hanno registrato perdite di 12,3 miliardi di franchi in totale.

Sebbene a livello consolidato le grandi banche abbiano registrato utili, stando alle chiusure delle società capogruppo considerate nel rapporto esse hanno segnato una perdita aggregata pari a 5,6 miliardi di franchi. Questa - spiega la BNS - è riconducibile in misura significativa alla modifica apportata da una delle grandi banche ai propri criteri di valutazione delle partecipazioni in altre società del gruppo. Ciò ha determinato ingenti rettifiche di valore nella chiusura a livello di capogruppo, ma non in quella consolidata.

Tutte le altre categorie di banche hanno evidenziato utili aggregati per complessivi 6,3 miliardi di franchi, di cui circa la metà attribuibili alle banche cantonali.

Per quanto riguarda il totale di bilancio, dei 3'317,6 miliardi complessivi 1'042,6 sono riconducibili a crediti ipotecari (+3,2%) e 1'815,3 a depositi della clientela (+0,3%). Mentre si sono contratti i totali di bilancio delle banche borsistiche (-2,2% o -5,0 miliardi) e dei banchieri privati (-9,0% o -0,6 miliardi), sono aumentati quelli di tutte le altre categorie, in particolare quelli delle banche cantonali (+4,4% o +26,4 miliardi), delle banche Raiffeisen (+10,2% o +23,0 miliardi) e delle grandi banche (+1,3% o +19,9 miliardi).

Le posizioni in titoli nei depositi della clientela sono salite del 15,9% a 6'780,1 miliardi di franchi; gli aumenti hanno riguardato tutte le classi. La crescita maggiore ha interessato i titoli azionari (+23,5% a 2'717,0 miliardi), principalmente per effetto del forte rialzo dei corsi borsistici in Svizzera come all'estero, spiega la BNS.

I depositi fiduciari amministrati dalle banche hanno evidenziato un netto incremento, attestandosi a 197,0 miliardi di franchi a fine anno (+23,1%). In particolare sono notevolmente aumentati i depositi fiduciari in franchi, la cui quota è passata dal 2,5% al 10,0%.

Infine, gli effettivi sono diminuiti di 1'304 unità a 106'084 in equivalenti a tempo pieno (-1'130 in Svizzera e -175 all'estero). Gran parte del calo a livello nazionale è riconducibile al trasferimento di impieghi, da parte dei grandi istituti, in altre società del gruppo che non compaiono nella statistica bancaria.

Le banche cantonali e le "altre banche" hanno incrementato gli effettivi (rispettivamente +228 e +194 impieghi), mentre le banche a controllo estero e le banche borsistiche li hanno ridotti (rispettivamente -244 e -151 posti).

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.