Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'imposta liberatoria per i banchieri privati è sicuramente la soluzione migliore rispetto allo scambio automatico di informazioni. Evitare quest'ultimo non è tuttavia il loro obiettivo strategico. I banchieri privati mirano in primo luogo a un accesso al mercato dell'Unione europea e a trovare una via d'uscita per il passato. Qualora ciò fosse possibile sarebbero anche disposti a fornire i dati dei loro clienti stranieri al fisco degli stati di residenza.

"Non saremmo probabilmente noi a mandare a monte una tale soluzione", ha detto il direttore dell'Associazione svizzera dei banchieri privati Michel Dérobert, in un'intervista di oggi al "Tages-Anzeiger" e al "Bund".

Importante in ogni caso - sottolinea Dérobert - è che i clienti che finora hanno confidato nel segreto bancario abbiano una possibilità di legalizzare i vecchi patrimoni depositati.

Dérobert, non vede tuttavia nella pressione esercitata dall'estero un motivo per modificare la legge in Svizzera ossia di ammorbidire il segreto bancario anche per cittadini elvetici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS