Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La giustizia del Bangladesh ha condannato a morte oggi sei persone in due differenti processi riguardanti la brutale uccisione di due ragazzini di 13 anni. Lo riferisce il portale di notizie BdNews24.

Nel primo processo un tribunale di Sylhet ha inflitto quattro condanne a morte ed un ergastolo agli imputati per aver picchiato a morte nel luglio scorso un 13enne di nome Rajon. Un video ripreso di nascosto del pestaggio in cui si sentivano le grida disperate della vittima è circolato nei social media suscitando grande commozione nell'opinione pubblica bengalese.

Nel secondo processo invece il proprietario di un garage ed un suo socio sono stati condannati all'impiccagione per aver ucciso tempo fa il giovane Rakib, "colpevole" di aver abbandonato il lavoro presso di loro accettando l'offerta di un concorrente.

I due, si è appreso nelle udienze, hanno utilizzato un macchinario utilizzato per gonfiare i pneumatici per immettere aria compressa nel retto del ragazzo, devastandogli l'intestino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS