Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L"uomo albero' del Bangladesh, così chiamato per delle abnormi escrescenze su mani e piedi simili a una corteccia, è stato operato ieri a Dacca e "avrà bisogno di un nuovo intervento fra tre settimane". Lo riferiscono oggi i medici alla stampa locale.

Il 26enne Abul Bajandar è stato sottoposto a un primo intervento chirurgico al Dhaka Medical College Hospital condotto da un team di nove medici e durato tre ore ore. Secondo il coordinatore, il chirurgo plastico Samanta Lal Sen, "ha avuto esito positivo". I medici sono intervenuti su alcune dita di una mano e nella seconda operazione rimuoveranno la massa di 'verruche' sull'altro arto e sui piedi.

Dopo che il caso era venuto alla luce, il governo di Dacca aveva promesso di sostenere i costi dell'intero trattamento e di coinvolgere i migliori specialisti.

Bajandar era stato ricoverato il 30 gennaio. L'uomo soffre di una malattia chiamata con il nome scientifico di Epidermodisplasia verruciforme, caratterizzata da un'infezione cronica alla pelle che provoca l'insorgere di escrescenze e squame sugli arti.

Il paziente ha raccontato che i primi segni sono apparsi circa 10 anni fa e che all'inizio pensava fosse una semplice infezione della pelle. Ora non riesce neppure più a nutrirsi senza l'aiuto della famiglia. In questi anni aveva cercato di curarsi in India, ma il costo dell'operazione era troppo elevato per il suo magro reddito.

Ci sono solo poche persone al mondo colpite dalla 'malattia dell'uomo albero' e quello di Bajandar è il primo caso in Bangladesh. Non ci sono delle cure, ma le verruche possono essere rimosse con la chirurgia. Ma poi c'è il rischio che ricrescano più veloci come nel caso di Dede Kosawa, indonesiano morto di recente e che è stato protagonista di un documentario di Discovery Channel.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS